fbpx

5 consigli per non perdere studenti dopo la lezione di prova.

Yoga e Business

Perché alcuni studenti rinunciano ad affiliarsi ad uno studio o smettono di seguire un maestro?

Lo so che ti piace sempre chiamarli studenti e tu essere la guida spirituale che ha studiato in india 10 anni e conosce la filosofia meglio degli altri, ma se alla giornata di prova hai l’aula piena e a fine mese ci sono i soliti 4 che sanno a memoria i mantra, ti rendi conto da solo che l’affitto non lo paghi e soprattutto che, se a 200 metri apre un’altra scuola ed e’ sempre piena, devi fare non solo i conti finanziari, ma anche quelli con il tuo ego.

Quindi scusami, mi da ora in poi mi riferiro’ a te maestro come imprenditore e agli studenti come i clienti.

Sono vent’anni che giro centri yoga in tutto il Mondo e in Italia la sensazione che ho provato e’ quasi sempre la stessa dopo la lezione prova in un centro nuovo.

La sensazione di non essere la benvenuta. La sensazione di entrare in una comunita’ chiusa dove vengo
scrutata e dove vedo anche gli altri neofiti essere scrutati dai veterani.

Ci sono centri in cui appena entri, prima di andare a sederti sul tappetino devi suonare la campana, unire le
mani e pregare il cielo tre volte, accendere un incenso, piegare la testa a destra e alzare l’alluce sinistro di 45 gradi.

E tutto questo senza neanche sorridere agli altri perché deve vigere un rigoroso silenzio in assenza di empatia. E se non sei vestito di bianco, ma hai un top sportivo colorato che usi il giovedi’ sera per zumba, con un filo di rossetto waterproof rimasto dalla giornata lavorativa, ti senti ancora piu’ fuori luogo.

Poi entra il maestro e giu’ di venerazione e canti strani…che sappiamo noi essere i mantra, inni spirituali e benefici, ma che spaventano il neofita da morire.

E a buon ragione. Perché il neofita ha sentito che lo yoga e’ un po’ stretching e un po’ rilassamento, non si aspetta e 99% delle volte non vuole essere catapultato in una tribu’ dove non conosce niente a riguardo.

Meglio la zumba del giovedi’ allora, ci sara’ un po’ più puzza di sudore, ma almeno sorridono tutti!

Leggi i miei 5 consigli su come mantenere i clienti dopo la lezione di prova.

1 – Scopri il problema e identifica i motivi per cui il cliente ti ha abbandonato.

Ho troppe volte visto, il maestro essere rannicchiato in meditazione e rigoroso silenzio fino a un secondo prima della lezione e correre subito dopo la fine sul suo cuscinetto. 

E clienti alle prime armi, anche con assegni in mano, aspettare in punta di piedi fuori dalla porta (magari alle 19:30 dopo la famosa giornata in ufficio e con famiglia a casa) aspettando un cenno per poter disturbare e pagare 200-300 euro al mese di abbonamento. 

“Mi scusi maestro, mi scusi tanto, ecco vorrei iscrivermi….pero’ sa sono nuova e non so niente….” 

Ecco questa se e’ una strategia di marketing, non ancora esplorata dai sociologi di economia, non funziona! 

Parla con i tuoi clienti, sorridi, sii gentile, accogli, offri anche una tazza di tea o un bicchiere d’aqua. 

Spendi 5 minuti con tutti, senti cosa cercano e cerca di fargli capire se sono nel posto giusto. Se hanno aspettative diverse, fagli capire la tua filosofia, raccontagli chi sei e cosa fai. E se dopo la lezione di prova non vogliono tornare cerca di capire i motivi. Ascolta!!!

2 – Esamina i motivi per cui hai perso i tuoi clienti

Ovviamente non e’ sufficiente scoprire il motivo. Se dopo non fai nulla per analizzarlo e’ difficile che tu possa correggerlo. 

Per come la vedo io difficilmente si cambia centro di yoga per il prezzo, piuttosto ci si va una volta meno al mese, ma se ti trovi bene non cambi. 

Ma se il motivo per cui il cliente non torna da te e’ perché ha avuto un’esperienza negativa, devi sforzarti per risolverlo. 

Dai importanza alle questioni che possono avere una soluzione e se necessario chiedi al cliente di darti una seconda chance.

3 – Identifica il cliente che se n’e’ andato

Sono tutti dello stesso sesso, fanno parte di una fascia di etá specifica? 

Hanno lo stesso comportamento? 

Analizzare in maniera profonda i clienti che ti hanno abbandonato puó aiutarti a generare target di audience da trattare diversamente.

4 – Segmenta il mercato

E’ quasi impossibile che tu possa recuperare tutti i clienti persi. 

Secondo il principio di Pareto, anche chiamato dagli anglosassoni, “80/20 rule”, il 20% dei clienti rappresenta l’80% del fatturato di qualsiasi azienda. 

Quindi identifica il 20% dei clienti che ti interessa tenere. 

Crea un contatto diretto con loro, offri vantaggi immateriali che li coinvolgano e li facciano 

sentire parte della tua comunitá.

5 – Offri benefici personalizzati

Se hai realizzato una segmentazione adeguata, e’ probabile che tu voglia recuperare dei determinati clienti offrendo loro offerte personalizzate. 

Ad esempio, mi e’ capitato che alcune persone in sovrappeso si sentissero a disagio a lezione con altri, ma che avrebbero speso qualcosina di più per lezioni private o con altre persone con cui si sentissero più a loro agio.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu